Fermenti di Papaya….utili enzimi digestivi per problematiche epato-pancreatiche!!!

Ciao a tutti!!! Ho pensato oggi di parlarvi di alcuni enzimi digestivi utili per risolvere problematiche epato-pancreatiche visto che i problemi al giorno d’oggi sono sempre più di origine intestinale! Andiamo a vedere in che modo i fermenti di papaya possono aiutarci e in quali casi assumerli!

Papaya

 

Spesso si soffre di gonfiore addominale, disbiosi intestinali, stipsi oppure diarrea…tutta una conseguenza della fermentazione intestinale causata dalla difficoltà digestiva. L’alimentazione andrà modificata prima di tutto ma possono venirci in aiuto enzimi digestivi che possono andare a sfiammare colon e intestino evaquando le sostanze trattenute dal nostro corpo.

Questa situazione possiamo già sentirla dentro noi, oppure si può rilevare anche da un’analisi iridologica, cioè dall’osservazione dell’iride che spesso conferma certi sintomi. Spesso la costituzione mista (ovvero le iridi di colore verde) tendono a soffrire di disturbi del sistema epato-biliare (ovviamente poi ogni soggetto è a sè; queste sono indicazioni di base). Quindi disfunzioni di tipo biliare o epatico con alterazione della secrezione biliare e come abbiamo detto prima difficoltà digestiva con diminuizione della funzione enzimatica digestiva.

Qui sotto vi metto un esempio di iride mista (verde):

iride mista

Ovviamente ogni iride andrà osservata perchè ognuno di noi è un essere unico e perciò può presentare disturbi diversi. Per quello di cui vi parlo oggi vi dò queste indicazionI!

CORREZIONI ALIMENTARI:

Per ovviare alle difficoltà digestive è consigliabile eliminare i cibi grassi, diminuire i cibi fritti e quelli che producono muco. Attenzione al consumo di zuccheri, alcool e spezie. Opportuno il consumo di frutta e verdure fresche (ricchi di fibra). Evitare le grandi mangiate per non affaticare un apparato compromesso e consigliabili strategie di decongestionamento della regione epato-pancreatica (es. impacco di fango sul ventre). Alimentazione che dovrà basarsi comunque su cibi che aiutano la digestione e drenanti, soprattutto in presenza di segni indicativi di sofferenza epatica e biliare! Indicate erbe amare, bardana, rape, carote, tarassaco!

ASSUNZIONE ENZIMI DIGESTIVI:

Come detto già nel titolo sarebbe bene in questi casi l’assunzione di enzimi digestivi quali per es. fermenti di papaya!

La papaya è considerato un “super frutto” grazie alle vitamine e antiossidanti che contiene, ma anche perché contiene un enzima, la papaina. La papaina è un enzima che facilita le reazioni chimiche dell’organismofacilitando la scomposizione delle molecole dei grassi e delle proteine e quindi accelerando la loro assimilazione. Per queste sue caratteristiche nutrizionali, la papaya o Carica Papaya è molto utile in quei casi in cui si manifestano problemi di digestione.

In un rapporto pubblicato sulla  rivista scientifica “Endocrinologia” del 2013, si evidenziano proprio i benefici della papaya nei casi in cui si presentino problemi di digestione, indigestione e disfunzioni del tratto gastrointestinale. Lo studio voleva dimostrare l ‘efficacia dell’uso della papaya nel trattamento deidisturbi digestivi su base scientifica. I risultati hanno dimostrato che vi è stato un significativo miglioramento dei sintomi di “indigestione” e “gonfiore” per quelli che avevano assunto una preparazione a base di papaya (Caricol ®) rispetto al gruppo di controllo. Lo studio conclude che questo tipo specifico di preparazione di papaya contribuisce al corretto funzionamento e mantenimento della fisiologia del tratto digestivo.

  • La Papaya e la gastrite

E’ bene sapere che oltre alla deliziosa polpa c’è molto di più perché la papaya è anche un frutto considerato alla stregua di una pianta medicinale. La papaya è originaria delle zone tropicali delle Americhe, oggi è diffusa e coltivata in altre zone tropicali del mondo. L’aumento delle aree dedicate alla produzione delfrutto della papaya lo rende disponibile sul mercato durante tutto l’anno. La papaya contiene molti nutrienti come le vitamine A, C, E e K, folati, potassio, minerali, acidi grassi, aminoacidi e fibra alimentare. Tra gli enzimi della papaya, la papaina è quello più noto. La più alta concentrazione di papaina è nella papaya verde.La papaian agisce sulla digestione e sulla gastrite. Uno studio condotto da AC Ezike, e pubblicato nel numero di dicembre 2009 del “Journal of Medicinal Food” suggerisce che gli estratti di papaya potrebbero essere utili nel trattamento delle ulcere gastriche. Per dichiarare che una certa sostanza è efficace sugli esseri umani se ne deve dimostrare scientificamente l’efficacia quindi non è sufficiente un solo studio clinico, bensì più di uno.

Papaya (1)

La papaya a me piace tantissimo sia come frutto per tante cose! Vi scrivo altri benefici:

Nella moderna alimentazione riusciamo a digerire solo parte delle proteine che assumiamo.Cio’ e’ dovuto a una diminuzione della produzione di acido cloridrico prodotto dalle nostre funzioni digestive.Le proteine che non digeriamo contribuiscono all’accumulazione di muco-proteine all’interno del nostro corpo.L’ azione proteolitica della Papaina favorisce una maggiore digestione delle proteine che consumiamo e diminuisce il rischio di accumuli di muco-proteine nell’organismo, un eccesso di accumulo puo’ determinare una congestione linfatica. La Papaya possiede qualita’ antisettiche che impediscono la proliferazione di batteri indesiderati negli intestini. Il PH dell’intestino e’ mantenuto corretto con l’assunzione dei fermenti acidofili che normalizzano la flora intestinale. La Papaina che si trova abbondantemente nei frutti di Papaya, funge da solvente contro pus e muco intestinale. Contribuisce a pulire i tessuti e le pareti dell’apparato digestivo non interferendo sui tessuti sani. Un must per la salute intestinale. Recenti studi scientifici hanno evidenziato che usando la Papaina come digestivo essa trasforma chimicamente le proteine in aminoacidi che sono fondamentali per il nostro organismo. La Papaina trasforma gli albumanoidi in peptoni tramite un mezzo acido alcalino/neutro, superiore alla pepsina. L’Arginina, uno degli aminoacidi essenziali, non e’ prodotto normalmente dal nostro organismo, ma deve essere assimilata attraverso gli alimenti quali, uova e lieviti. Questi alimenti devono essere assunti con regolarita’ per fare in modo che l’Arginina sia costantemente presente nell’organismo.La Papaya riesce a convertire alcune proteine in Arginina costantemente.

In poche parole è  di grande aiuto a chi consuma troppi cibi “morti” (conservati, cotti, raffinati, lavorati), privi di preziosi enzimi, che sono i catalizzatori essenziali di tutte le reazioni chimiche delle nostre cellule ed è un’ottima fonte di micronutrienti (vitamine, minerali), enzimi ed altre sostanze preziose.

MODALITA’ DI ASSUNZIONE:

La parte utilizzata è il frutto disidratato, in capsule o in polvere sciolta in acqua, durante i pasti.

ENZIMA-DI-PAPAYA-500MG-250-COMPRESSE-ALLERGIE-INFIAMMAZIONI-MALATTIE-CANCRO_117760

In Sudamerica si usano anche le foglie della papaya per preparare un tè ipotensivo e cardiotonico, mentre il tè fatto con i fiori viene usato in Brasile per curare i disturbi di fegato.

Spero ragazzi questo post vi piaccia e possa esservi utile in caso sentiate il bisogno di provare a sistemare la “pancia” con i vari disturbi ad essa collegati! Un abbraccio a presto!!

Jessica xx

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *