Gli oleoliti, cosa sono e come farli in casa!! (Vediamo in particolare quelli di carota, calendula, lavanda e camomilla)

Ciao a tutti!!! Tempo fa ho pubblicato sulla mia pagina facebook la foto che ho fatto ai miei amati oleoliti che ho preparato per poi usarli come oli per le creme oppure da addizionare a oli essenziali o singoli per applicazioni locali sulla pelle per qualsiasi problema essa presenti! Sono naturali perchè facendoli in casa li alleviamo fin dal primo momento e quindi sappiamo come li abbiamo preparati e cosa ci mettiamo! Ho visto che la foto è stata molto apprezzata e parecchie di voi mi hanno chiesto un post su cosa sono, che azioni hanno e come vanno preparati quindi ho pensato di scrivervi questo post!!

Oleoliti fatti in casa

 

COS’E’ UN OLEOLITO:

L’oleolito è il risultato di una macerazione di una o più piante in un olio vegetale. La maggior parte dei composti presenti in alcuni piante è liposolubile, si riesce quindi ad estrarle con l’olio. Ricordiamoci che non tutte le piante sono adatte all’estrazione in olio, per alcune i principi attivi vengono estratti con acqua quindi sono idrosolubili, ma quello lo vedremo in un altro momento!!! Le piante da utilizzare possono essere secche oppure fresche! Devono essere assolutamente fresche e quindi non si possono utilizzare secche quelle di: Iperico, Melissa, Arnica. Le piante poi devono essere lasciate macerare nell’olio in un luogo buoi per un 30-40 giorni.

Tramite la macerazione in olio le piante rilasciano i loro principi attivi e quindi il meglio che hanno da offrire; ideali come oli da massaggio, o per la preparazione di unguenti o creme per i corpo per risolvere anche qualche problematica che la pelle e il corpo ci presentano.

SCELTA DELL’OLIO:

Spesso sorgono dubbi in merito a quale olio è più indicato usare per fare un oleolito, in realtà andrebbero bene tutti, ma vediamo ora le caratteristiche di alcuni oli per saper scegliere il migliore!

Olio di mandorle dolci: è un olio leggero ma nutriente e soprattutto economico, ideale per fare gli oleoliti. Usato spesso per le sue proprietà emollienti, ha l’unico difetto  di emanare subito un forte odore acre quando irrancidisce, e quindi se ne rimane un po’ nei contenitori che gocciola o perde, tende a deteriorare presto e avere questo forte odore. io non lo uso per questo motivo, ma se utilizzate l’oleolito entro breve tempo, lo potete utilizzare.

Olio di jojoba: quest’olio è molto simile a una cera liquida, resiste molto bene all’irrancidimento e penetra più in profondità nella pelle rispetto agli altri oli. Si può usare puro anche per gli oleoliti curativi; visto la sua resistenza ossidativa è molto consigliato (quantità: 1/3 o 1/4) idratante, nutriente e tonificante.

Olio di oliva: il più utilizzato per far macerare le piante, anche se voi acquistate in farmacia o negozi bio l’oleolito di iperico o calendula e leggete l’etichetta dell’INCI vedrete che questi sono fatti macerare in olio di oliva la maggior parte delle volte. In realtà andrebbe molto bene perchè è ricco di tocoferoli che sono antiossidanti e garantiscono una buona conservazione del prodotto; è ottimo sulla pelle come nutriente e anti-età, l’unico difetto però è che l’odore di quest’olio è molto forte e quindi sovrasta l’odore della pianta. Se voi fate caso appunto a quelli acquistati fatti macerare sotto olio di oliva, quando li aprite e annusate sentite questo forte odore di oliva e non sentite più quello della pianta. Io non lo uso nemmeno per miscelare gli oli essenziali perchè succede la stessa cosa!

Olio di girasole: da preferire quello spremuto a freddo, è un olio molto simile a quello di mandorle dolci ma ricco di vitamina E e quindi resistente all’ossidazione. E’ meno maleodorante quando irrancidisce e non ha odori forti da sovrastare quelli della pianta, economico, è un buon olio da utilizzare!

Olio di crusca di riso: o olio di riso, presenta il gamma orizanolo e ricco di tocoferolo naturalmente contenuti in esso dovrebbe garantire una maggior resistenza all’ossidazione proprio per questi componenti! Economico e consigliato anche questo!

Ci sono molti altri oli volendo che si possono utilizzare, ma secondo me tra questi ci sono già dei buoni oli, ad ogni modo se c’è qualche olio che non è tra questi ma a voi risulta gradevole, lo potete utilizzare! =) 

Come vi ho annunciato all’inizio assolutamente non si fanno con la pianta secca ma bensì fresca gli oleoliti di Iperico, Arnica e Melissa in quanto seccandosi perdono i principi attivi importanti che li caratterizzano. Per le altre piate vanno bene ulitizzate sia fresche che secche;  in questo periodo ho preferito usare le piante secche proprio perchè quelle fresche ancora con ci sono, ma se lo fate nel periodo in cui quella pianta è presente ed è il suo periodo di raccolta, ovviamente è sempre bene farli con pianta fresca. Io ho dovuto ricorrere a quelle secche!

Vediamo ora come fare gli oleoliti di carota, calendula, lavanda e camomilla; ho scelto queste perchè hanno delle proprietà molto buone e possono venirci in aiuto in diversi casi:

OLEOLITO DI CAROTA:

IMG_6872

Ingredienti per circa 500 ml di oleolito:

  • 3 carote medio/grandi
  • olio di girasole
  • 40/50 gocce di vitamina E (da mettere quando si filtra alla fine)

Procedimento:

Lavate le carote, le pelate togliendo la buccia esterna e le tagliate a julienne (io le ho fatte con la grattugia). Le mettete in un contenitore a chiusura ermetica che può essere il vaso per le marmellate per esempio, e poi le coprite con l’olio come ho fatto io nella foto! Meglio far arrivare l’olio quasi al tappo, in modo da lasciare poco spazio tra l’olio e il tappo stesso! Schiacciate poi bene le carote verso il basso in modo che nessun pezzettino fuoriesca dall’olio altrimenti entro poco farebbe la muffa! Chiudete poi il contenitore e mettetelo in un luogo buoi (un armadio, uno sgabuzzino) per un 20 giorni agitando ogni giorno il barattolo!

Trascorsi i 20 giorni…..filtriamo!!!!

Utilizziamo una garza medica, ponendola su un imbuto e lo mettiamo su un contenitore vuoto e pulito ( può essere un altro vaso usato per fare le marmellate o la conserva). Filtriamo versando l’olio che andrà sulla garza e passerà attraverso l’imbuto per poi arrivare pulito al contenitore vuoto! Lasciamo riposare un giorno, sempre in un luogo buio, poi filtriamo un’altra volta semmai fosse rimasto qualche residuo (si può riutilizzare la garza usata il giorno prima e l’imbuto); infine però questa volta il contenitore dove andrà l’oleolito finale dovrà essere di vetro SCURO (vanno benissimo le bottiglie di olio finite). Infine aggiungiamo le gocce di vitamina E (sono facoltative).

Proprietà dell’oleolito di carota: adatto a pelli sensibili, secche. Ha proprietà idratanti, emollienti, anti-age. Ottimo contro scottature, dermatiti e irritazioni della pelle e come dopo-sole. NON va usato assolutamente in spiaggia, al contrario di quello che si pensa, non favorisce l’abbronzatura.

OLEOLITO DI CAMOMILLA:

IMG_6873

Ingredienti:

  • 80 g di fiori secchi di camomilla
  • 500 g di olio di girasole (o quello che voi preferite usare)
  • 40/50 gocce di vitamina E

Procedimento:

Come per l’oleolito di carota, anche qui mettiamo sul fondo i fiori di camomilla e rempiamo il contenitore con l’olio fino quasi ad arrivare al tappo. Chiudiamo e lasciamo macerare 20-30 giorni in un luogo chiuso agitando il barattolo ogni giorno. Trascorso il tempo filtriamo come vi ho spiegato per l’oleolito di carota e il contenitore dove andrà l’oleolito filtrato consiglio di utilizzarlo di vetro scuro per evitare che la luce e il calore ossidi l’olio. Possiamo aggiungere alla fine facoltativamente le gocce di vitamina E!

Proprietà dell’oleolito di camomilla: anti-arrossamento, antinfiammatorio, lenitivo. Ha effetto decongestionante. Perfetto anche questo come dopo-sole e per la pelle delicata dei bambini anche negli arrossamenti da pannolino. Utile per pelli couperosiche. Va benissimo per fare massaggi rilassanti.

OLEOLITO DI CALENDULA:

IMG_6871

Ingredienti:

  • 100 g di fiori secchi di calendula
  • 500 ml di olio di girasole (o quello che voi preferite)
  • 40/50 gocce di Vitamina E

Procedimento:

Vale lo stesso procedimento degli oli che vi ho descritto sopra; mettete i fiori in un vaso ermetico e coprite con l’olio. Mettete a riposare 20-30 giorni sempre in un luogo buio e agitate il barattolo una volta al giorno. Assicuratevi che i fiori rimangano sempre coperti dall’olio. Filtrate poi il liquido con l’aiuto di una garza e un colino (per istruzioni più dettagliate vedi filtraggio oleolito di carota) e mettetelo subito sul contenitore finale che deve essere di vetro scuro per evitare l’ossidazione.

Proprietà dell’oleolito di calendula: Calmante, anti-arrossamento, antinfiammatorio, lenitivo, decongestionante, idratante. Ottimo come olio per la pulizia del viso per pelli sensibili, fragili e tendenti alle screpolature. Si usa molto per i bambini piccoli, anche per fargli il bagnetto. Ottimo come dopo-sole. Efficace in caso di psoriasi e dermatiti, pelle secca, sensibile, scottature.

OLEOLITO DI LAVANDA:

IMG_6874

Ingredienti:

  • 100 g di fiori secchi di lavanda
  • 500 g di olio di girasole (o il vostro olio preferito)
  • 40/50 gocce di vitamina E ( facoltativo)

Procedimento:

Vale come tutte le altre preparazioni descritte sopra, mettete i fiori in un barattolo a chiusura ermetica e riempite d’olio fino quasi alla chiusura del tappo. Lasciate macerare 30 giorni in un luogo buio agitando quotidianamente il barattolo. Passato il tempo, filtrate (per il filtraggio vedi oleolito di carota dove lo spiego dettagliatamente). Filtratelo direttamente sul barattolo finale che deve essere di vetro SCURO e aggiungete le gocce di vitamina E.

Proprietà dell’oleolito di lavanda: Purificante, antisettico, lenitivo, calmante. Ottimo per riequilibrare la pelle mista, grassa, acneica. Per prevenire rughe e smagliature. Come decontratturante muscolare e per massaggi rilassanti. Ottimo come post-ceretta e per i geloni.  Per il prurito dei geloni macerare per 5 giorni in una tazza di olio di girasole 30 gr di fiori secchi di lavanda e poi frizionate mani con il preparato trascorsi questi giorni di macerazione.

Spero questo post vi sia piaciuto, io adoro fare gli oleoliti e le loro proprietà. Li uso per mille cose e sono fantastici! Se avete domande scrivetemi, io vi abbraccio, a presto!!!

Jessica xx

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *