Microdosi di oli essenziali

Buongiorno profumato a tutti! Sono sempre stata molto appassionata dell’utilizzo degli oli essenziali per via interna, ma avendo molte controindicazioni soprattutto gli oli più cariche di molecole chimiche che possono causare danni; mi sono sempre attenuta dai miei studi all’utilizzo locale, abbinato a unguenti medicati e qualche utilizzo per aromatizzare bevande di limone, arancio e lime…i più semplici! Fino a quando mi sono imbattuta nello studio delle microdosi di oli essenziali! Ora vi spiego cosa sono:

Microdosi

Nella mia esperienza da Naturopata e Aromaterapeuta una sana alimentazione è vana se non c’è una pulizia del terreno di base della persona e un’integrazione di piante che vadano a riequilibrare tutte le problematiche e i disturbi che la persona tende a manifestare. A tal proposito le microdosi di oli essenziali le trovo fantastiche! Sono delle diluizioni molto alte di oli essenziali il alcool alimentare e acqua; sono quasi come quelle dei granuli omeopatici e quindi vanno ad agire senza controindicazioni e senza interagire con i farmaci che la persona assume.

In particolare cosa sono le microdosi?

Portiamo un esempio di quanto descritto sopra: un olio essenziale come l’origano, che risulta uno degli antibiotici assieme al timo, più potenti in natura ad ampio spettro d’azione, l’utilizzo in terapia viene limitato a poche applicazioni proprio per gli aspetti irritativi che lo caratterizzano e quindi anche io stessa l’ho sempre utilizzato in poche occasioni e molto diluito. Le microdosi ci fanno completamente superare questi problemi e utilizzare queste altissime diluizioni ci fa superare tutti questi problemi!

Le microdosi inoltre vanno ad agire anche sull’asse PNEI (psico-neuro endocrino immunologico) oltre che fisico!

Insomma in una boccetta da 20ml abbiamo tutto ciò che ci occorre per ritrovare la salute psicofisica abbinato ad un’alimentazione che rispetti il qui ed ora della persona!

Al prossimo articolo profumato,

                                                                            Jessica

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *